La bella e magica Barcellona

Un fine settimana improvvisato nella magica Barcellona

Un fine settimana a Barcellona era quello che ci voleva! Volete sapere il perché?! Ve lo spiego in un batter d’occhio!

Freddie Mercury nella sua canzone “Barcelona” (Barcellona) canta: “Barcellona! Un orizzonte così bello , Come un gioiello al sole

Urca se aveva ragione! Ho passato meno di 72 ore a Barcellona (c’ero già stata, ma ero una giovane ventenne👯) e ne sono rimasta COMPLETAMENTE folgorata😍.

Sono giorni che nella mia testa gira e rigira sempre la stessa affermazione: “Barcellona è bella vera!

Parliamoci chiaro: io e la maggior parte dei miei coetanei conserviamo un ricordo di Barcellona come la città in cui a 18 anni siamo andati a far festa e a divertirci. Per carità, c’è l’imbarazzo della scelta per quanto riguarda la movida, ma della bellezza che emerge in ogni centimetro di questo posto ne vogliamo parlare???😍

E non le apprezzi a 18-20 anni queste cose! No, No! Ma per fortuna che poi si cresce e che il mondo si impara ad ammirarlo in maniera più consapevole. Ma ora Bando alle Ciance💃! Vi porto con me a Barcellona per un fine settimana e per vedere insieme un’incredibile città che ho felicemente riscoperto.

Ta le strade di Barcellona durante un fine settimana

Partiamo dal presupposto che, purtroppo, con il tempo a disposizione che ho avuto (aereo in ritardo di più di due ore) ho dovuto rinunciare a delle visite importanti. Tuttavia, non mi sono buttata giù e ho impegnato tutte le ore a mia disposizione nel miglior modo possibile😎.

Ma first of all ,se state pensando di andarci è fondamentale che facciate il City pass di Barcellona. Lo potete fare tranquillamente online.

Ad ogni prezzo corrisponde, chiaramente, una diversa possibilitá di sfruttare al meglio le visite turistiche.

Se il tempo da spendere che avrete non sarà molto vi consiglio, oltre al city pass, di fare il mio stesso giretto. Itinerario che potete leggere proprio qua sotto 🙂

Un pomeriggio a Barça

Avevo delle amiche che mi aspettavano a Plaza Catalunya. Per questo motivo, ho preso il bus dall’aeroporto che mi ha portato direttamente in questa piazza gigantesca. Qui mi sono fermata un po’ ad ammirare questo enorme spazio con le sue fontane e con i suoi numerosi piccioni. Ed è bastato veramente un attimo per sentirmi la Benvenuta.

Una volta scattata qualche foto e guardatami un po’ intorno mi sono diretta verso Casa Battló.

casa battló un fine settimana Barcellona
La bella facciata di Casa Battló a Barcellona

Che “buffa” che è Barcellona! Ti metti a fare una passeggiata e di punto in bianco ti trovi una casa bellissima, assolutamente particolare e super affascinante accanto. È già! Quel genio di Gaudì ne sapeva fare veramente di tutti i colori!!!

Impossibile vedere una facciata come questa e non rimanere estasiati! Questa casa parla di Modernismo Catalano a 360 gradi! E quei colori poi… 😍Ma io ci vivrei super volentieri in una casa così!

Continuando la passeggiata su Passeig de Gracia ecco che mi sono trovata affianco un altro edificio di quel visionario di Gaudì: Casa Milà, detta anche Pedrera! E anche questa abitazione non si lascia minimamente guardare dietro!😍

casa milà gaudì
La facciata di Casa Milà a Barcellona

Facciata sicuramente meno colorata, ma così “arrotondata” da catapultare all’interno di una spirale. Vi consiglio caldamente una visita della parte interna di Milà (circa un’ora) che vi porterà in stanze ricche di estro e in una terrazza che vi toglierà il fiato.

Un sabato a Barcellona

Il secondo giorno mi sono svegliata molto relativamente (baldoria notte prima😅) presto e mi sono diretta verso il bellissimo Barrio (quartiere) Gotico. Ah! Se ho amato perdermi in questo incredibile luogo! Stradine ricche di bar, ristorantini, librerie, ma soprattutto dei palazzi super eleganti e delle piazzette con edifici e con dei cortili interni strepitosi.

Non vi consiglio di seguire un percorso predefinito, piuttosto vi suggerisco di perdervi e rimanere incantati dai palazzi raffinatissimi che si trovano nelle varie vie!

Da non perdere la Cattedrale di BarcellonaPlaça Reial. Girate, mi raccomando, con il naso all’insù per godervi le parti anteriori (una diversa dall’altra) di ogni edificio e anche il fascino dei panni stesi che fanno tanto paese del sud caldo e con il sole😍🌅.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dopo questa passeggiata (in realtà con le mie amiche ballavamo per strada😂) che mi é veramente piaciuta tanterrimo, sono andata verso la FAMIGERATISSIMA Rambla.

Sempre piacevole la camminata in questo bel viale. Banchi di fiori, mosaici di Miró nei pavimenti, persone allegre… insomma,  un percorso che pur rimanendo lo stesso pare sempre diverso😅.

E per rigenerarsi una bella sosta al Mercado della Boqueria!

entrata mercato boqueria
Boqueria, il bel mercato di Barcellona

Un edificio fatto di ferro al cui interno si trovano stand con tante prelibatezze.  Odori, colori, ordine, caos… insomma, un ‘esperienza ricca di emozioni e di rigenerazione delle papille gustative, anche se…diciamocelo, il portafoglio ne risentirà e non poco😅!

Una volta degustato del buon jamón (prosciutto) ho ricominciato a camminare in direzione El Raval, un quartiere multietnico che non può mancare durante una visita a Barcellona in un fine settimana. Inevitabile, mentre ci si dirige da quelle parti, il selfie con la statua del gatto di Botero! Essì, é proprio pacioccoso il micetto e un autoscatto viene spontaneo😽!

Dopo essermi fotografata con il felino ho cominciato a camminare per le vie del quartiere latino. E anche questa volta guardandomi intorno estasiata.

Palazzi altissimi e super sofisticati, panni stesi, vicoli spettacolari e negozietti che spaziano da alimentari al design. Belli veri!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dopo queste esplorazioni culturali io e le mie amiche abbiamo sentito il bisogno impellente di mare. E quindi a tirar diritto di nuovo per La Rambla in direzione “Statua di Cristoforo Colombo”.


Un consiglio che vi dó é di fare una breve sosta (lo troverete sulla sinistra e sempre su La Rambla) in un particolarissimo locale che si chiama “il Bosco delle Fate”. Non vi dico altro, perché sarebbe riduttivo, vi dico solo di entrarci e, nel frattempo, mettervi in modalità “bambino nelle favole”.


Dopo aver sognato un po’ in questo locale la passeggiata è continuata verso il porto! Oh raga’, preparatevi a vedere di tutto!!! Io, per esempio, ho incontrato lo yacht di uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma una roba di una grandezza incredibile!

Continuando a passeggiare sono arrivata, finalmente, alla bellissima Barceloneta. In bocca al mare, praticamente! E il mare per me è gioia🤗💕! Ho giocato con la sabbia, ho spettegolato con le mie amiche, ho scattato foto e mi sono goduta la vista, che poi devo dire che è anche gradevole visto che l’acqua è abbastanza pulita🏝.

spiaggia barceloneta
la Barceloneta di Barcellona

Ritornando poi verso casa le mie amiche si sono fermata a fare shopping e io, invece, mi sono persa un po’ tra i vicoli della magica Barcellona e, nel frattempo, mi sono innamorata ancora di più dell’architettura di questa città.

Una mezza giornata nella capitale catalana

Domenica di sole! Finalmente! Finalmente perché, purtroppo, il fine settimana in cui sono stata a Barcellona è stato un po’ grigio. Niente pioggia, per fortuna, ma nemmeno del caldo sole!

Sveglia relativamente presto e direzione quartiere Grácia. Un quartiere non molto conosciuto dal turista comune, ma del resto a me piace esplorare “l’inesplorato”.

E vi dirò, un barrio assolutamente affascinante e soprattutto autentico. Da non perdere la visita alla Casa Vicens, che poi è la prima costruita da quel grande talento creativo di Gaudì. E poi anche qui, a perdersi per le vie, ad ammirare i palazzi e a trovarmi, addirittura, in una piacevole e scoppiettante festa rionale.

Da questo quartiere é facilissimo arrivare al celebre Parc Güell. In 10 minuti a piedi si giunge in questo spazio ricco di verde e di opere strabilianti, sempre di quel prodigio di Gaudí.

parc güell
Il bellissimo ingresso di Parc Güell, a Barcellona

Entrate, godetevi il sole, i colori, e salite le numerosissime scale per correre a guardare la magica Barcellona dal belvedere che si trova in cima al parco. Varrà la pena, soprattutto in una classica giornata soleggiata Barcelloneta.

Per ultimo , ma non per importanza, visita alla imponente, maestosa e straordinaria Sagrada Familia. Che dire ragazzi, è così gigantesca che guardarla con un solo colpo d’occhio è impossibile!

Io non ho avuto il tempo di entrare all’interno e visitarla, ma voi fatelo! Io ho potuto fare solo un giro intorno ad essa, osservala e avere la sensazione che la fantasia potesse VERAMENTE diventare realtà!

Questo è stato il mio giro improvvisato in un weekend a Barcellona. Ci sarebbe ancora moltissimo da vedere e proprio per questo ci tornerò a breve.

E voi siete mai stati a Barcellona?😚

P.s: è stato molto emozionante per me tornare a Barcellona per un fine settimana avendoci vissuto anni fa. Per saperne di più leggete questo post che ho scritto sull’importanza di tornare in posti in cui si è già stati!

Alla prossima :*

54 commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: